LA SENTENZA
Milano, encefalopatia dopo la vaccinazione: ministero della Salute condannato a risarcire genitori di una bambina
Milano, encefalopatia dopo la vaccinazione: ministero della Salute condannato a risarcire genitori di una bambina

Una recentissima sentenza passata in giudicato della Corte d'Appello di Milano «conferma il nesso di causalità tra il vaccino e una grave patologia di una neonata». Lo afferma il Codacons, che rende nota la decisione passata in giudicato e annuncia una nuova denuncia contro l'Aifa che avrebbe, a suo dire, diffuso «informazioni non corrette negli ultimi giorni».

«La Corte d'Appello ha riconosciuto il nesso causale tra il vaccino somministrato ad una neonata di sei mesi e la grave encefalopatia sviluppata dalla bambina, condannando il ministero della Salute a risarcire la famiglia in base alla legge 210/92», scrive il Codacons.

Si legge nella sentenza (presidente Monica Vitali, relatrice Maria Di Paolo): “Il Ctu ha accertato che, fino alla somministrazione del vaccino, la piccola presentava uno sviluppo assolutamente normale e non aveva sofferto di alcun disturbo. I primi disturbi del comportamento e della motilità si manifestano appena qualche giorno dopo la somministrazione della II dose di vaccino e sono subito seguiti da episodi compulsivi. […]  Il Ctu, sulla base di letteratura nazionale ed internazionale, rileva che esiste “plausibilità biologica” tra encefalopatia e vaccino del tipo di quello somministrato, nel senso che l’ encefalopatia viene annoverata tra le cosiddette reazioni avverse a quel tipo di vaccino […] In conclusione il Ctu afferma qualcosa di diverso rispetto a quanto ritenuto dall’appellante. Non si tratta di “compatibilità” ma di “alta probabilità” desunta a seguito di un iter logico che il Collegio ritiene chiaro e documentato”.


«I giudici, così come i periti, hanno accertato oltre ogni ragionevole dubbio che il vaccino ha plausibilmente causato la malattia nella neonata - scrive il Codacons - Alla luce di tale sentenza le ultime affermazioni rese da Aifa circa le reazioni avverse alle vaccinazioni appaiono non esaustive, e rischiano di fornire una informazione non completa alle famiglie    Ancor di più se si considerano i numeri che emergono dalla “Banca Dati Europea delle Segnalazioni di Sospette Reazioni Avverse ai Farmaci", entrata in funzione nel 2012 e liberamente accessibile a questo indirizzo , secondo cui per il vaccino “Infanrix Hexa” ci sarebbero 8.409 segnalazioni di sospette reazioni avverse (aggiornate ad aprile 2017)».



Per tale motivo l'associazione - ribadendo «ancora una volta l'importanza delle vaccinazioni» - annuncia una nuova denuncia in Procura contro i vertici dell'Agenzia del farmaco, e pubblica sul proprio sito il modulo con cui i genitori possono chiedere indagini pre-vaccinali per i propri figli.












Per tale motivo l’associazione – ribadendo ancora una volta l’importanza delle vaccinazioni - annuncia una nuova denuncia in Procura contro i vertici dell’Agenzia del Farmaco, e pubblica sul proprio sito www.codacons.it il modulo con cui i genitori possono chiedere indagini pre-vaccinali per i propri figli.

 

Lunedì 5 Giugno 2017, 19:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DI LEGGO
staibene.it